Bilanciamento batterie al piombo

This topic contains 6 replies, has 5 voices, and was last updated by smontic smontic 2 months ago.

Viewing 7 posts - 1 through 7 (of 7 total)
  • Author
    Posts
  • #1871
    vasilij
    vasilij
    Participant
    • Posts: 81

    Mi chiedevo se le classiche batterie 12V da avviamento messe in serie (24V totali) per i camion necessitino di un bilanciatore di carica. Ragionavo sul fatto che ogni batteria a 12V di fatto è composta da 6 elementi da 2V in serie, e non c’è un bilanciamento tra i singoli elementi.

    Seconda domanda: il bilanciatore come funziona? Mette in parallelo le batterie per qualche istante, facendo fluire la corrente da quella più carica a quella meno carica, in modo da “pareggiarle”?

    E in caso di più banchi batterie da 24V, come comportarsi? I bilanciatori supportano più banchi indipendenti?

    Ciao!

    Andrea

    #1878
    xplorerbasecamp
    xplorerbasecamp
    Moderator
    • Posts: 207

    Da quello che ho capito leggendo in giro, l’ottimale è mettere le due batterie in serie quando sono già cariche entrambe  – dello stesso tipo e potenza – mentre se le usi in parallelo ( anche due banchi da 42v) non è un problema che siano di potenze differenti ma è bene collegarle insieme sempre quando sono già cariche possibilmente che non abbiano troppa differenza di età e usura per evitare che se una è messa troppo male non ti distrugga anche quella buona… A meno che non vuoi fare un impianto sofisticato con tutti i controlli domotici come Valentino mi limiterei a anteporre solo uno stacca batteria tra banchi in parallelo mentre per le batterie in serie non metterei nulla solo crimpature fatte bene 😉

    Per la ricarica usare moderni caricabatterie “intelligenti”

    #1890
    missile
    missile
    Participant
    • Posts: 100

    …….. Il collegamento tra le batterie l’ ho fatto col cavo per le saldatrici e ho stagnato i terminali e poi saldati ai morsetti, per ridurre al massimo la resistenza e conseguente calo di tensione………

     

    da quel che so, lo stagno per gli elettrotecnici è un pessimo conduttore e offre molta resistenza, consigliano sempre un collegamento diretto rame/metallo senza stagno

    #1892
    iltico
    iltico
    Participant
    • Posts: 47

    Ciao missile, sinceramente sollevi un problema che non conosco, ma che mi sembra “futile”.

    Se si stagna un cavo al suo terminale aumenti la superficie di contatto e quindi diminuisci la resistenza, oltre a far tendere quasi a zero la possibilità di ossidazione della superficie di contatto tra due pezzi, cosa quasi assicurata, visto che l’acido fuoriesce quasi sempre dalla batteria, o liquido, o in vapori.

    Ho corretto il mio post da resistenza in ossidazione.

    Oltretutto il 99% dei componenti elettronici sono saldati a stagno e il rimanente a induzione. Se non fosse una saldatura efficiente non sarebbe utilizzata.

    Comunque leggi quì e parlano di componenti da circuito stampato, in genere con meno A di una batteria e parlano di variazioni di Ohm, quindi nulle, o quasi, mentre invece un’ossidazione …

    https://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?t=56968

     

    • This reply was modified 2 months ago by iltico iltico.
    • This reply was modified 2 months ago by iltico iltico.
    #1896
    missile
    missile
    Participant
    • Posts: 100

    Ciao missile, sinceramente sollevi un problema che non conosco, ma che mi sembra “futile”. Se si stagna un cavo al suo terminale aumenti la superficie di contatto e quindi diminuisci la resistenza, oltre a far tendere quasi a zero la possibilità di ossidazione della superficie di contatto tra due pezzi, cosa quasi assicurata, visto che l’acido fuoriesce quasi sempre dalla batteria, o liquido, o in vapori. Ho corretto il mio post da resistenza in ossidazione. Oltretutto il 99% dei componenti elettronici sono saldati a stagno e il rimanente a induzione. Se non fosse una saldatura efficiente non sarebbe utilizzata. Comunque leggi quì e parlano di componenti da circuito stampato, in genere con meno A di una batteria e parlano di variazioni di Ohm, quindi nulle, o quasi, mentre invece un’ossidazione … https://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?t=56968

     

    io la penso come te ma tutti gli “esperti” mi dicono che sbaglio

    #1897
    iltico
    iltico
    Participant
    • Posts: 47

    Beh tante volte gli “esperti” sbagliano, confondendo il metodo più facile=più veloce, col migliore….!!

    Sai, a crimpare ci metti qualche secondo, a saldare un pò di bei minutini !

    Poi se dopo qualche anno hai i trefoli di rame del cavo ossidati, con l’ossido che si è smangiato metà sezione dei cavi a loro non gliene frega niente, anzi sarai ancora un loro cliente, perchè avrai almeno 4-5 volt in meno.

    Magari  pure in panne e dover accorciare il cavo in cerca di rame sano, o addirittura cambiarlo …!!

    Sai quante discussioni con elettrauti che non puliscono i morsetti prima di serrarli !!! 😡

    Personalmente braso tutto il possibile con lo stagno, pulisco a metallo nudo, abbondo di grasso siliconico e uso dell’autoagglomerante per chiudere bene tra trefoli e isolante, onde prevenire un’ossidazione che si infiltri tra trefoli e isolante.

    Gli elettrauto e tanti “esperti” usano a malapena il nastro isolante in PVC e poi qualcuno conta i soldi e gli altri piangono !!

    • This reply was modified 2 months ago by iltico iltico.
    • This reply was modified 2 months ago by iltico iltico.
    #1918
    smontic
    smontic
    Keymaster
    • Posts: 249

    Mi chiedevo se le classiche batterie 12V da avviamento messe in serie (24V totali) per i camion necessitino di un bilanciatore di carica. Ragionavo sul fatto che ogni batteria a 12V di fatto è composta da 6 elementi da 2V in serie, e non c’è un bilanciamento tra i singoli elementi. Seconda domanda: il bilanciatore come funziona? Mette in parallelo le batterie per qualche istante, facendo fluire la corrente da quella più carica a quella meno carica, in modo da “pareggiarle”? E in caso di più banchi batterie da 24V, come comportarsi? I bilanciatori supportano più banchi indipendenti? Ciao! Andrea

    Ciao, in teoria il bilanciatore potrebbe essere utile, ma parlando di batterie d’avviamento al piombo in pratica non viene mai utilizzato. Ragionando sulle batterie servizi invece io lo ritengo indispensabile. Il bilanciatore serve tra banchi di batterie a 12 volt per livellare lo stato di carica tra le due o più batterie in serie. Il funzionamento prevede un monitoraggio della tensione delle singole celle a 12 volt e qualora ci fosse uno sbilanciamento in positivo su un banco (tensione piu alta) il bilanciatore si preoccupa di assorbire ampere. Il bilanciatore si usa nei banchi a 12 volt di batterie al litio, di solito è integrato internamente nelle celle che compongono il banco. In caso dei piu banchi da 24 in parallelo è uguale si monitora ogni stringa parallela che contiene banchi in serie.

    www.stepsover.com
    MAN 16.232 Valentino

Viewing 7 posts - 1 through 7 (of 7 total)

You must be logged in to reply to this topic.